frendeites

Lo studio Vincent Eschalier ripristina una dimora privata nel 16 ° arrondissement della capitale in un complesso terziario. Combinando il fascino del vecchio con la sobrietà dell'architettura contemporanea, il progetto è dedicato all'accoglienza di una società finanziaria.

Premiato lo scorso anno per il suo progetto Phobos, lo studio Vincent Eschalier non intende smettere di trasformare il paesaggio parigino! È questa volta nel 16esimo arrondissement che interviene l'agenzia, trasformando una vecchia dimora obsoleta in un edificio per uffici ben ancorato ai suoi tempi.

Il progetto dà nuova vita a un bellissimo edificio Art Déco situato in avenue Victor-Hugo, a pochi passi dal Lycée Janson-de-Sailly. Primo stadio ? Riporta le facciate al loro antico splendore pulendole. Una volta terminato questo lavoro, le squadre hanno avuto il compito di modificare gli interni e gli spazi di questo edificio fatiscente. Gli architetti si affidano a grandi piattaforme open space e flessibili che consentono ai futuri proprietari di appropriarsi dei locali a loro piacimento.

Come al solito, lo studio ha optato per un marcato mix di stili, associando materiali e accessori grezzi e industriali - acciaio inossidabile spazzolato, pavimento in cemento lucidato e illuminazione raffinata - con parquet e modanature quasi intatte della stanza installata nel cupola, importante risorsa del progetto.

Un pregiudizio che, ancora una volta, ripaga!

Titolo del progetto: Uffici Victor Hugo
luogo: Parigi (16e)
proprietario: privato
Project management: Studio Vincent Eschalier
zona: 1 100 m²
Costo dei lavori: 1 € HT
Calendario: consegna 2019

Per ulteriori informazioni, visitare il sito Web Vincent Eschalier

Fotografie / illustrazioni: Axel Dahl

Zoe Térouinard



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE

I più letti

1

f + f architetti: a 160 m2, avenue Trudaine a Parigi

2

Nuovo indirizzo: 106 bis rue Saint-Lazare, Parigi 8

3

83 Marceau: il design al servizio dell'uso di Ana Moussinet