frendeites

Il numero due al mondo di vini e liquori assicura un ritorno in ufficio sano e sicuro per lavorare in modo diverso. Una storia di successo francese, Pernod Ricard è oggi il numero due al mondo nei vini e liquori grazie al know-how conservato e a un portafoglio di marchi importanti.

Mentre Pernod Ricard svolge il 92% del proprio business a livello internazionale, la Francia resta la culla del gruppo ed è nel centro di Parigi che ha scelto di insediare la sua nuova sede mondiale nel popolare quartiere di Saint Lazare. 

Situato su una spianata pedonale, è stato creato un nuovo indirizzo per il trasloco, il "5 cours Paul Ricard".

L'edificio, realizzato dall'architetto Ferrier Marchetti Studio, ha una facciata composta da 2 listelli di vetro colorato che riflettono la luce e il cielo durante tutta la giornata. Evoca così la serie di 400 tele del pittore impressionista Claude Monet, La Gare Saint-Lazare.

I 900 dipendenti precedentemente distribuiti su sette diverse sedi si imbarcano sull'Isola, in riferimento all'Ile des Embiez, acquisita da Paul Ricard nel 1958. Né Fauboug-Saint-Honoré, né Champs-Elysées, L'isola è una terra di convivialità, situata in un quartiere generoso, aperto ad altrove come la Gare Saint-Lazare rivolto verso Le Havre e quello internazionale attraverso il quale passano circa 100 milioni di viaggiatori all'anno.

Una buona architettura si basa sulla luce naturale, un buon orientamento degli spazi rivolti al sole e una vista libera verso l'esterno.

L'isola ha terrazze piantate su 1200 m2 che la rendono un luogo amichevole che promuove scambi e incontri formali e informali.

Il principio è stato quello di creare luoghi facilmente identificabili e fruibili. Come 13 "piccole calette" ogni piano ha il suo territorio, la sua lobby con l'identità del suo marchio (s). Né nero, né bianco, né grigio, Saguez & Partners, l'agenzia di design che ha curato il progetto, ha dato il posto d'onore ai colori cantanti (azzurro, blu Klein, ocra, zafferano, verde egiziano, beige sabbia…), con materiali naturali (legno chiaro, giunco, terracotta, tendaggi in lino, boiserie in stile "guinguette") e una miriade di oggetti d'antiquariato.

Saguez & Partners ha condotto una riflessione a monte con gli utenti per comprendere le loro aspettative, legate alle loro attività ma anche alla situazione sanitaria. Il design d'uso prevede diverse soluzioni: ergonomia, spazi, comfort, luce, servizi...

Muoversi è uscire e incontrare gli altri: è offrire più posti ai dipendenti. L'isola offre una varietà di atmosfere e una dozzina di posizioni di lavoro diverse per incoraggiare i dipendenti a muoversi secondo le loro esigenze durante la giornata. Tutte le persone che ci lavorano non hanno un ufficio assegnato (nemmeno Alexandre Ricard). D'altra parte, l'ufficio flessibile implica essere ben pensato. Senza offesa per alcuni, ci sono uffici semi-partizionati in un caldo open-space, inondati di luce naturale e dotati di un'acustica ad alte prestazioni.

Inoltre ci sono sale riunioni per prendere decisioni rapide stando in piedi o seduti, altre per telefonare senza disturbarli, “stanze silenziose” per lavorare senza telefonate o conversazioni in giro. Dal piano terra al 7° piano, grandi affreschi adornano le scale con lo scopo di incoraggiare i dipendenti ad utilizzarle, a scapito degli ascensori, potenziali fonti di infezione. Infine, chi dice "ufficio-hotel", dice servizi efficienti e precisi per semplificare la quotidianità dei dipendenti: concierge, palestra, ristoranti, sala giochi, zen break e benessere su prenotazione, click & collect, travel lounge con doccia e sala relax... 

Con scelte rigorose sull'acustica, l'illuminazione, la qualità dell'aria e della luce, l'ergonomia dei sedili, la circolazione, dettagli come lo stoccaggio o la segnaletica ... Il luogo è nella sua costruzione e nel suo design, sia sostenibile che al servizio degli usi di ciascun dipendente.

 

Senza nome

 

Per ulteriori informazioni, visitare il sito il sito di Saguez & Partners.

 



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE

I più letti

1

Un nuovo posto di lavoro per RATP Habitat

2

Una villa sulle alture di Ibiza

3

Il duo di designer di Studioparisien