frendeites

Nel contesto della Fiera Internazionale di Arte Contemporanea, Giuseppe Penone ingigantisce il Palais d'Iéna (16th arrondissement) con opere di Arte Povera tanto poetiche quanto enigmatiche. L'iconico artista italiano espone un'installazione monumentale di impianti, oltre a due sculture inedite. Un inno alla natura che rende omaggio al capolavoro architettonico di Auguste Perret.

l'installazione Matrix di linfa [Sap Matrix] deriva da un lungo processo di creazione. Infatti, per dare vita al suo lavoro, Giuseppe Penone scava nel bosco di una conifera secolare nelle Alpi francesi fino a quando estrae dal suo tronco il materiale equivalente a ottant'anni di crescita. La faglia centrale delle due entità dell'installazione è riempita con resina vegetale rossa decorata con elementi in terracotta. Il set rialzato poggia sui rami dell'albero e un enorme tappeto di pelle. L'installazione, progettata con materiale organico e impronte del corpo dell'artista, ricrea quindi i legami tra uomo e natura.

Giuseppe Penone installa la sua opera al centro dell'enorme sala ipostila del Palais d'Iéna. Su entrambi i lati delle sottili colonne, la scultura monumentale si impone accanto a due sculture antropomorfe della serie "Pensieri di foglie". Elencate in questo classico ambiente architettonico, le creazioni di Penone fanno rivivere un certo patrimonio di storia dell'arte.

Visibile fino a 24 ottobre 2019, l'installazione soddisfa le proporzioni e le trame dell'edificio di Auguste Perret. L'organicità delle sculture fa eco alla natura antropomorfa dell'edificio. I toni, così come i materiali utilizzati, interagiscono sottilmente con il marmo rosa e i calcestruzzi di porfido verde, le modanature, i motivi vegetali, le colonne e la logica di una realizzazione in cui "il calcestruzzo è sufficiente a se stesso" come ha assicurato Auguste Perret.

Un'affascinante installazione in situ che ci spinge a riflettere sul nostro rapporto con l'ambiente, l'architettura e il naturale.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito il sito del Palais d'Iéna, Consiglio economico, sociale e ambientale

Fotografie: Rebecca Fanuele © Palais d'Iena, architetto Auguste Perret, UFSE, SAIF / Courtesy Archivio Penone e Marian Goodman Gallery, New York, Parigi, Londra

Léa Pagnier



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE

I più letti

1

Un nuovo posto di lavoro per RATP Habitat

2

Una villa sulle alture di Ibiza

3

Il duo di designer di Studioparisien